ippocampoC'era una volta un cocchio tempestato di oro, trainato da imperiosi cavalli lucenti, veloci come furie a solcare le onde increspate dei mari: il loro nome era "Ippocampo". Poi c'era una divinità greca, potente come le tempeste oceaniche, temuta anche dagli abitanti degli abissi marini oltre che dagli umani, che su questo carro amava trascorrere il tempo: Poseidone.

 

Figlio insieme a Zeus ed Ades del dio Saturno e di Cibele, scampò alla rabbia famelica del padre grazie all'astuzia della madre che, non a caso, diede in pasto alle fauci minacciose un grosso puledro al posto del figlio. Carattere tuonante, corpo marmoreo, volto circondato da riccioli dal profumo di rivoli d'acqua, Poseidone appariva e scompariva tra le albe ed i tramonti del monte Olimpo come un temuto Re dei mari. Quando la sua ira si schiantava vorticosa sugli scogli erano mostri, tritoni e draghi acquatici ad affiancarlo. Ma col sole brillante sopra gli specchi d'acqua piatta e la madre perla sdraiata tra i fondali, il carro vibrava silenzioso solo grazie al galoppo di mansueti ippocampi (da Hippos-cavallo e Kampos-mostro), metà equini e metà delfini.

 

Prescelto esercito di fedeli accompagnatori assaliva la vastità marina forte di lineamenti mitologici eloquenti e suggestivi: muscoli invasati di potenza divina, zampe palmate , criniera folta di alghe e membrane. Accadeva allora un dì che il grembo della mitologia partoriva un cavallo dalle prodigiose caratteristiche, fedele agli umori del tridente impugnato dal dio Poseidone, destinato a divenire protagonista di innumerevoli comparse pittoriche, nonché attore indiscusso di inneggianti galoppate nelle arene polverose. Era nata all'improvviso nel cuore di esperti navigatori quale era il popolo dei Greci l'esigenza di assecondare gli umori di Poseidone facendone un culto da celebrare anche sulla terra ferma, nominandolo "Signore dei cavalli" e protettore degli allevamenti (come succedeva infatti in Tessaglia).

 

A seguire anche i Romani optarono per ospitare all'interno della propria religione tale egocentrico culto, adottando il Dio greco sotto il nome di Nettuno e dedicandogli sfarzose corse di cavalli nel circo. Se non ci basta l'idea che i nostri fedelissimi destrieri abbiano un passato così ricco di rappresentanze, non dimentichiamo il Dio Apollo (o Febo) che si tuffa tra i seni rosati dell'Aurora per imbiancare di luce solare le vie ancora grigie di crepuscolo. S'incendiano i cieli di bagliori lussureggianti, candidi come i famosi cavalli bianchi alati prescelti dal Signore del Sole per inghiottire i confini cosmici al soave ritmo della cedra.

Rosalba Massimi

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00

Cerca

   cavalli a  roma 2014

Ultimi annunci

CSIO di Piazza di Siena 2013

Concorso Ippico Internazionale di Piazza di Siena 2013

CSIO di Piazza di Siena 2012

Concorso Ippico Internazionale di Piazza di Siena 2012

Contattaci

Vuoi che cavalliegare.it venga a seguire la gara organizzata dal tuo circolo? Vuoi vedere pubblicati su questo sito commenti, classifiche e foto del concorso che ospiti?

Invia una mail alla nostra "redazione".

Seguici su Google +

Cavalliegare.it on
Ti trovi in:   Home Il nostro cavallo Il Cavallo e il suo Dio

L'istruttore risponde

Vuoi chiedere un consiglio, un'indicazione o una semplice curiosità al nostro istruttore?

Scrivi alla rubrica "l'istruttore risponde" per vedere pubblicata  la risposta.

Annunci

Vuoi vendere, acquistare un cavallo, una sella, una testiera?

Cerchi o vuoi cedere un cavallo in fida?

Vai nella sezione annunci, iscriviti e pubblica il tuo annuncio, il servizio è completamente gratuito.

Alimentazione

In questa sezione parliamo dell'alimentazione dei nostri cavalli, problemi,curiosità e consigli.

Per andare nella sezione clicca Qui

Il cavallo nell'arte

In questa sezione parliamo di tutte le espressioni artistiche che hanno come soggetto il Cavallo

Per andare nella sezione clicca Qui

Cavalli da colorare

Una sezione dedicata ai più piccoli che vogliono divertirsi a colorare dei simpatici disegni scaricabili gratuitamente.

Per accedere alla sezione clicca Qui